LA SINISTRA RICERCA…

…la propria identità perduta, rovistando in mezzo alle macerie del renzismo (1) e oscillando tra desiderio di restaurazione (2) e bisogno di opposizione (3).

(1) La paura di cui scrive Serge, infatti, non è solo quella che viene iniettata nei governati – paura di attentati, paura del «degrado», degli zingari, dei migranti, dell’«invasione», di questo o quel complotto… – ma anche quella che hanno in corpo i governanti, sempre più ritirati nelle loro cerchie, a frequentarsi tra simili, “scollati” dal mondo, estranei alla realtà e dunque privi di ogni immaginazione.
Lo stiamo vedendo nella parabola del renzismo. I governanti sono autoreferenziali, e quindi pavidi di fronte alle contraddizioni, ai conflitti. Perché nei conflitti, anche quelli più modesti, l’Uno autoreferente è costretto a diventare (almeno) Due.

http://www.wumingfoundation.com/giap/2016/12/contro-la-politica-della-paura-rovesciare-passando-da-sotto-wm1viaggionotav/
_____
(2) È facile, dunque, individuare il fil rouge che lega questi abbagli collettivi internazionali: il ritorno a un passato idealizzato, mitologico, quella che gli psicologi definiscono “retrospezione rosea” e che, nella fattispecie, Zygmunt Bauman ha battezzato “retrotopia”, utopia retroattiva. Make America great again, make consociativismo great again ecc…
[…]
In realtà, lo sappiamo bene, Donald Trump non è Ronald Reagan, la Brexit non determinerà eo ipso la risoluzione o anche solo il ridimensionamento delle vicissitudini del popolo inglese e – quel che più ci interessa – ripristinare tout court la Prima Repubblica ci avvicinerebbe più alla Grecia e all’Argentina che all’Italia del boom economico: i sistemi più efficienti, al netto di qualunque nostalgia, sono oggi – de iure o de facto – sistemi presidenziali, premierati, democrazie comunque decidenti.

http://www.unita.tv/opinioni/2016-lanno-della-restaurazione-mondiale/


_____
(3) Ma poi: ammettiamo che una “sinistra-sinistra” che dice sempre no dicesse sì, e andasse a vedere le carte di questo mirabolante governo senza Verdini ma con Landini (semplifico), cosa porterebbe? Cosa chiederebbe?
[…]
In pratica si andrebbe a governare con Renzi con il presupposto di cancellare ciò che ha fatto Renzi. Non credo sia un caso, Michele, che quando passi dalla teoria (il pippone contro i cattivoni del no no no) agli esempi (quel che di buono ha fatto Renzi) citi solo e soltanto la legge sui diritti civili.


http://www.alessandrorobecchi.it/index.php/201612/caro-michele-la-risposta-e-no/
_____
https://www.facebook.com/rassegna.ta.stampaquotidiana/