BIO E CONTATTI

Armando Toscano
366 1 40 50 36
research@armandotoscano.com




Sono manager nel Terzo Settore, lavoro a progetti e servizi di prevenzione della dispersione scolastica e nella promozione dell’empowerment delle comunità dei quartieri. Mi occupo di adolescenti e adulti LGBT+. Sono consulente di direzione per ciò che concerne il miglioramento dell’organizzazione e della resa delle risorse umane. Denominatore comune di tutte le mie esperienze è l'approccio improntato alla teoria dei sistemi complessi ed evidence-based.


CONTRIBUTI E INTERVISTE

Intervista: Affari Italiani
Link all'articolo
Intervista: Linkiesta
Link all'articolo
Intervista: Il Giorno
Link all'articolo
Intervista: La Stampa
Link all'articolo
Intervista: Il Giornale
Link all'articolo
Intervista: Linkiesta
Link all'articolo
Intervista: Elle
Link all'articolo
Intervista: Il Foglio
Link all'articolo


Piacere, sono Armando Toscano, sono psicologo sociale, manager del Terzo Settore e consulente, e lavoro quotidianamente per migliorare la relazione tra persone e spazi di vita: città, aziende, scuole, mercato del lavoro, famiglie, sono tutti luoghi ricchi di relazioni che possono tanto aiutare a realizzarsi quanto bloccare la crescita dei propri progetti; ormai da un po' di anni, amo intervenire in queste situazioni complesse, per poterle orientare in una direzione che migliori sensibilmente lo status quo.

Pubblicazioni

Interviste

Curriculum vitæ

Quando si pensa a uno psicologo, tipicamente si immagina una persona seduta in uno studio silenzioso, riempito delle sole parole che il paziente, o cliente, o comunque una persona che soffre regala al professionista. Questo, però, è solo un modo di intendere la Psicologia, ma non è l'unico: esiste, infatti, anche una Psicologia che ama stare per strada, nelle aziende, a fianco di cittadine e cittadini, di bambine e di bambini, nelle Giunte Comunali, negli ospedali o con gli urbanisti. Psicologi e psicologhe stanno dentro lo studio principalmente per imparare, per migliorarsi, attraverso l'incontro e il confronto con chi soffre e si affida a loro; ma per potersi dire professionisti completi, hanno bisogno di uscire dallo studio e incontrare le persone nei loro contesti di vita reali.




Popular Posts