L'INTRODUZIONE DELL'OBBLIGO VACCINALE…

…resosi necessario in seguito al calo della copertura e al concomitante aumento di decessi per malattie debellate (1) ha generato i primi numeri della protesta: a Milano 3300 genitori non presentano il certificato (2), a Trieste 438 (3); le percentuali di adesione alla legge sono - dai primi dati disponibili - tra dall'85% in su per le Scuole Primarie. L'Ufficio Scolastico della Regione Emilia Romagna invita al dialogo e alla compostezza (4), mentre l'Assessora all'Educazione di Milano chiede di spostare la protesta dalle Scuole (5). Il quadro generale sembra essere piuttosto scomposto, sia nell'opposizione (disorganizzata, diretta e immediata) che nella risposta istituzionale (disarticolata e poco omogenea).


(1) L'introduzione dell'#obbligovaccinale è stato conseguente al calo della copertura e al ritorno di decessi per #malattie debellate da tempo. Spunti da Daniele Banfi su L'Huffington Post.

«Ma come si è potuti arrivare al punto di varare una legge che renda obbligatori questi vaccini? "L'obbligo vaccinale - spiega Pier Luigi Lopalco, professore di Igiene all'Università di Pisa - esiste in Italia da moltissimo tempo. L'introduzione della legge che rinforza quest'obbligo - estendendolo ad altre vaccinazioni - si è resa necessaria in quanto i livelli di copertura vaccinale nella popolazione stanno diminuendo con il conseguente aumento di casi di malattie che dovevano essere da tempo un'eccezione".»
(2) A #Milano 3300 genitori non presentano il certificato di assolvimento dell'#obbligovaccinale; la #protesta si organizza sui #Social. Spunti da Alessandro Corica su La Repubblica.

«Una famiglia su dieci. Calcolatrice alla mano, oltre 3.300 bambini. Un numero alto, ma dal Comune di Milano precisano che "non è definitivo: sono molti i bambini che non sono rientrati a Milano, perché ancora in vacanza con le famiglie o all'estero, anche se i servizi hanno riaperto il 5 settembre". Eppure: tutti, tra questi tremila e più bambini, oggi rischiano di restare fuori dai cancelli. E non entrare in classe, visto che i genitori non hanno presentato entro i termini i documenti previsti dal decreto Lorenzin

http://milano.repubblica.it/cronaca/2017/09/12/news/caso_vaccinazioni_sono_3_300_i_bambini_senza_il_certificato-175228492/

_____
(3) A #Trieste (apripista dell'#obbligovaccinale) 438 genitori non presentano la certificazione necessaria. Spunti da Emanuele Esposito su TriestePrima.

«Dei 3732 bambini dagli 0 ai 6 anni dei servizi educazione del Comune di Trieste però solo l'86,3 per cento dei bambini ha consegnato la documentazione (che poi dovrà essere "confermata" entro marzo con la consegna delle dichiaraizoni di avvenuta vaccinazione da parte dell'Azienda sanitaria).»

http://www.triesteprima.it/cronaca/vaccini-obbligatori-438-bambini-non-presentano-l-autocertificazione.html

_____
(4) L'Ufficio Scolastico dell'#EmiliaRomagna invita alla linea morbida per i casi di mancato rispetto dell'#obbligovaccinale. Spunti da Federica Gieri Samoggia su Il Resto del Carlino.

«Che fare, dunque? Fino a una manciata di giorni fa, nebbia fitta. Poi l’Ufficio scolastico regionale, attraverso il direttore generale Stefano Versari, ha stilato linee guida operative che i presidi stanno attuando in toto: linea morbida. Tanto lavoro di persuasione, telefonate, mail e incontri. Evitando, così, «qualsivoglia conflitto relazionale e clamore comunicativo» con le famiglie. Questo perché «il contesto scolastico richiede sempre, anche nelle circostanze più complesse, la ricerca di un dialogo costruttivo».»

http://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cronaca/vaccini-scuola-diffida-dozza-1.3394434

_____
(5) La Vicesindaco di #Milano Scavuzzo invita a organizzare l'eventuale protesta contro l'#obbligovaccinale altrove rispetto alla #Scuola. Spunti su Il Giorno

«"Faccio un appello alle famiglie perché non ci siano momenti di tensione domani - ha detto il vicesindaco e assessore all'Educazione del Comune di Milano, Anna Scavuzzo -. Per chi ha deciso di non vaccinare i figli l'ingresso della scuole non è il luogo dove discutere anche perché questa situazione non deve ricadere sui bambini. Io ribadisco la mia disponibilità a incontrare queste famiglie". Il vicesindaco ha poi aggiunto che il lavoro di informazione sulle certificazioni proseguirà anche nei prossimi giorni.»

http://www.ilgiorno.it/milano/cronaca/vaccini-obbligatori-asilo-1.3391963

_____
https://www.facebook.com/rassegna.ta.stampaquotidiana/