youth mentor, social researcher, learning specialist, author, neuro-educational specialist, counselor, HRD consultant, trainer, evaluative researcher








+39 366 1 40 50 36
research@armandotoscano.com


apprendimento efficace: avere piena padronanza delle teorie sull’apprendimento oggi, nella cosiddetta “società dell’informazione”, è essenziale, perché permette di distinguere tra formazione come pura formalità e formazione come investimento per un reale miglioramento. A tal proposito ho sviluppato un modello di apprendimento in contesti reali, il modello COMP.ASS., utile anche per la valutazione dell’efficacia formativa.

ricerca valutativa: la classica distinzione tra ricerca qualitativa e ricerca quantitativa non ha oggi più ragion d’essere; se la ricerca esce dalla torre d’avorio in cui è rinchiusa e si presta al servizio delle organizzazioni e delle persone, numeri e parole diventano i mattoni di una conoscenza sistemica e approfondita dei fenomeni. Questo è dunque la ricerca valutativa: uno strumento di pianificazione e riprogettazione efficiente.


youth mentoring: gli adolescenti oggi appaiono come delle casseforti inaccessibili, l’età in cui si rivendica un’autonomia dai genitori si è anticipata; spesso, però, rimane il dubbio che siano davvero in grado di cavarsela da soli come vorrebbero. Lo youth mentoring è un tipo di formazione che va in profondità nella relazione con l’adolescente e gli/le fornisce uno spazio per esprimersi ed elaborare le esperienze con maggiore autocoscienza.

innovazione delle metodologie di ricerca: l’attitudine al system thinking mi ha fatto avvicinare alle tecniche di modellizzazione dei sistemi complessi (organizzazioni, gruppi, comportamenti collettivi) e all’implementazione di metodologie di ricerca ibride.

GLI ULIVI POSSONO…

…tornare a dimorare in Puglia (1), grazie alla Commissione Europea, la parola adesso è alla Ricerca (2). Curiosità: il freddo invernale potrebbe aver giocato (3). 

(1) La Commissione europea apre alla possibilità di reimpianto di nuovi uliveti nell'area da xylella, cioè nei territori in cui il batterio risulta endemico. Lo ha detto il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina dopo un incontro con il commissario europeo alla salute Vytenis Andriukaitis. "Abbiamo chiesto al Commissario Andriukaitis di rimuovere il divieto di impianto di nuovi uliveti nell'area della provincia di Lecce per tutta la zona dichiarata infetta.


_____
(2) Al contempo, sul fronte della ricerca scientifica per contrastare il ‘complesso del disseccamento rapido dell’ulivo’ la Regione Puglia, supportata da UE e Governo Italiano, potrebbe ispirarsi al modello francese della unità di ricerca congiunta (UMR), un'entità amministrativa, con proprio bilancio, creata dalla partnership di differenti istituzioni scientifiche - secondo Coldiretti Puglia -  dai cui organici vengono selezionate le migliori competenze sugli specifici temi di ricerca.
[…]
"Questa strada - concludono Ginefra e Mongiello - rappresenta una speranza di ripresa economica e produttiva proprio nelle aree nelle quali la patologia ha piegato questo settore e crea le condizioni per la sopravvivenza del paesaggio anch'esso elemento essenziale identitario e di ricchezza per il turismo della nostra Regione".


_____
(3) Si suppone che il batterio della Xylella, proveniente dal Sud-America dove le temperature sono tutt'altro che fredde, muoia quando la colonnina di mercurio scende ai livelli dello zero ma, essendo “ospite” del sistema linfatico degli ulivi - come di altre piante - seguirà il ciclo vitale dell'albero.


_____