youth mentor, social researcher, learning specialist, author, neuro-educational specialist, counselor, HRD consultant, trainer, evaluative researcher








+39 366 1 40 50 36
research@armandotoscano.com


apprendimento efficace: avere piena padronanza delle teorie sull’apprendimento oggi, nella cosiddetta “società dell’informazione”, è essenziale, perché permette di distinguere tra formazione come pura formalità e formazione come investimento per un reale miglioramento. A tal proposito ho sviluppato un modello di apprendimento in contesti reali, il modello COMP.ASS., utile anche per la valutazione dell’efficacia formativa.

ricerca valutativa: la classica distinzione tra ricerca qualitativa e ricerca quantitativa non ha oggi più ragion d’essere; se la ricerca esce dalla torre d’avorio in cui è rinchiusa e si presta al servizio delle organizzazioni e delle persone, numeri e parole diventano i mattoni di una conoscenza sistemica e approfondita dei fenomeni. Questo è dunque la ricerca valutativa: uno strumento di pianificazione e riprogettazione efficiente.


youth mentoring: gli adolescenti oggi appaiono come delle casseforti inaccessibili, l’età in cui si rivendica un’autonomia dai genitori si è anticipata; spesso, però, rimane il dubbio che siano davvero in grado di cavarsela da soli come vorrebbero. Lo youth mentoring è un tipo di formazione che va in profondità nella relazione con l’adolescente e gli/le fornisce uno spazio per esprimersi ed elaborare le esperienze con maggiore autocoscienza.

innovazione delle metodologie di ricerca: l’attitudine al system thinking mi ha fatto avvicinare alle tecniche di modellizzazione dei sistemi complessi (organizzazioni, gruppi, comportamenti collettivi) e all’implementazione di metodologie di ricerca ibride.

LA QUESTIONE DI FINCANTIERI…

…potrebbe essere vista come una mera questione di strategie industriali (1), ma si tratta di una mossa tra altre (2) che ha lo scopo tutto politico di mostrare la superiorità francese (3) rispetto all’instabilità degli equilibri interni italiani (4).


(1) Sull'acquisizione di Stx France, l'amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono ha detto che si tratta di "un obiettivo industriale e non politico". Citando brevemente le trattative e i contatti in corso sulla struttura del capitale dei cantieri francesi, Bono ha aggiunto che "abbiamo il pieno sostegno del nostro governo".
[…]
La partita che si giocava cominciava già in salita, con in ballo gli storici cantieri navali di Saint Nazaire, i più importanti della Francia. Fincantieri acquisisce dal Tribunale di Seoul il 66,66% della società francese, la Stx, che gestisce la struttura, quindi con maggioranza assoluta agli italiani, ma l'accordo era stato preso con Hollande. Macron ha chiesto di ridiscuterlo. E le dichiarazioni di Le Maire davanti alla commissione Affari economici al Senato hanno fatto esplodere il caso. Il ministero dell'Economia italiano, pur disponibile a modificare gli accordi, non cede su maggioranza di Stx all'Italia e voto decisivo in Cda in caso di stallo: proprio su questi punti i francesi non intendono scendere a patti.

http://www.tgcom24.mediaset.it/economia/fincantieri-scontro-francia-italia-parigi-cancella-gli-accordi-padoan-ok-modifiche-ma-resti-controllo-stx_3086122-201702a.shtml

_____
(2) Prima un gancio destro, la dichiarata volontà di Parigi di accogliere solo i migranti con qualifica di rifugiato, quando si sa che il grande problema con cui ci confrontiamo è proprio la lunghezza e la difficoltà del processo di identificazione; poi un gancio sinistro, l’incontro sulla Libia con l’esclusione dell’Italia, ma non solo (senza l’inviato speciale dell’Onu per la Libia Ghassan Salamé e senza l’Alto rappresentante per la politica estera della Ue l’italiana Federica Mogherini): e infine unuppercut, repentino e doloroso, la nazionalizzazione definita “provvisoria” dei cantieri Stx France, nonostante gli accordi intervenuti fra le parti e l’avallo politico all’operazione Fincantieri manifestato dal predecessore di Macron, il presidente François Hollande.
[…]
Nella percezione dei suoi elettori e di tutti i cittadini, Macron interpreta dunque correttamente e senza contraddizioni il ruolo di “presidente della Francia” e non a caso la maggior parte delle forze politiche francesi non esprime critiche a queste sue ultime iniziative, che, anzi, molto spesso condivide convintamente.

https://ytali.com/2017/07/30/libia-e-stx-perche-i-pugni-di-macron-ci-fanno-cosi-male/

_____
(3) Sono fatti così. Vogliono francesizzare tutto, mica solo lo spaghetto. Prendete il Macron. Si è insediato con l’Inno alla Gioia, ma ci è bastato poco per capire che la gioia era soltanto la sua. Al confronto Renzi ha l’ego di un moscerino e Sarkozy quello di una carmelitana scalza. Con i migranti bisogna fare a modo suo, e così nei cantieri, che maccaronizza a giorni alterni come le targhe. E noi buoni, pazienti e gentili, a volte persino troppo: gentiloni. Sguainando il suo mestolo, il prode Landi indica la rotta: rivendicare la qualità delle ricette italiane. Senza permettergli di francesizzare, dopo il ragù, anche le coste libiche e le nostre ultime aziende al dente.

http://www.corriere.it/caffe-gramellini/17_luglio_27/maccaron-caffe-massimo-gramellini-5090ab0a-72fe-11e7-be4a-3ab7f672a608_amp.html

_____
(4) Ora, il segretario del Pd, ha il problemone dei problemoni: il terrore di appoggiare un governo con a capo, dei ministeri chiave, Economia e Industria, due ministri senza tessera, nemmeno riconducibili al Pd, ma a un tecnicismo vecchia maniera, che hanno deciso, in questa fase, di gestire una loro partita politica.
[…]
L'agitazione di Renzi si è fatta sentire, soprattutto sulla questione Fincantieri (ma anche sul rapporto Vivendi Mediaset gestito a suo modo da Calenda, quando è necessario trovare la via mediana per mettere d'accordo il gruppo francese e il gruppo italiano, per soddisfare il solito daffare di Berlusconi che è quello di curare gli affari di famiglia) e interessi nazionali.

http://www.huffingtonpost.it/maurizio-guandalini/dopo-fincantieri-e-manovra-renzi-lha-capito-non-va-il-duo-se_a_23064435/
_____

https://www.facebook.com/rassegna.ta.stampaquotidiana/